Le 5 migliori osterie della Campania

Un viaggio nella vera cucina italiana. Un primato che rende onore alle tradizioni della nostra Regione

0 2.071

La cucina è il posto in cui si custodiscono secoli di storia e origini di ricette tramandate da generazioni. Tra i fornelli si incontrano le tradizioni, si sposano i sapori più svariati ma soprattutto si narrano storie di piatti che, con sufficienza, diamo per scontati. Ogni specialità, aggiunge qualcosa del proprio territorio e lo rappresenta. La verde Irpinia per esempio presenta un paesaggio essenzialmente montuoso-collinare e le pietanze sono da questo influenzate. Forse le trattorie non hanno ancora i giusti riconoscimenti e non sono ancora le protagoniste dei media, ma questo aspetto sta evolvendo in maniera rapida.

Il primato della Campania

Nell’ultima edizione della Guida Slow Food, la regione che ha conquistato di più Chiocciole(una sorta di stella Michelin) è (di nuovo) la Campania. Sono infatti ben 23 super osterie, seguita da Toscana e Piemonte (22), Puglia ed Emilia-Romagna (19). Come accade ogni anno, la Guida ci porta alla rivelazione della cucina italiana verace: trattorie, osterie, agriturismi e ristoranti scelti per la loro calda accoglienza, cucina locale e ingredienti accuratamente selezionati. Il tutto grazie all’importantissimo lavoro svolto dai collaboratori sul territorio. Attualmente, per la qualità intrinseca del cibo e del vino, la nostra regione e la nostra provincia hanno ricevuto una risposta estremamente positiva, anche a livello internazionale.

La verde Irpinia

L’Irpinia si aggiudica i primi due posti della Campania. Terra di genuinità, custode di antichi vini pregiati e prelibatezze. Un luogo incantevole dove è possibile ammirare il verde che vi circonda. Sentire l’essenza più vera, dove il trascorrere del tempo che ha scandito la vita con ritmi naturali, donando alle generazioni che si sono susseguite, un enorme patrimonio agroalimentare. Confrontato con altre realtà della ristorazione, le prestazioni eccezionali delle osterie sono un riflesso diretto della sua struttura. La maggior parte, infatti, è gestita a livello familiare o amicale, il che consente una notevole flessibilità e adattabilità.

Fonte foto: avellinotoday.it

Le migliori osterie in Campania

  • La Pignata – Ariano Irpino (AV)
  • Valleverde Zi’ Pasqualina – Atripalda (AV)
  • ‘A Luna Rossa – Bellona (CE)
  • Tre Sorelle – Casal Velino (SA)
  • Gli Scacchi – Caserta

La Pignata

Nata nel 1980, l’osteria La Pignata è oggi un caposaldo della ristorazione irpina, vincendo importanti riconoscimenti nelle guide enogastronomiche nazionali e internazionali. Un locale elegante ma allo stesso tempo rustico e familiare. La famiglia Ventre vi esorta ad assaggiare e gustare piatti tipici e raffinati dell’antica cucina irpina. Non mancano rivisitazioni dovute ad una ricerca instancabile e costante della qualità non solo in cucina, ma in tutto ciò che è considerato “arte del ristoro”, frutto dell’ amore per il territorio e per i suoi prodotti. L’impegno della cucina della Pignata ha origini ben radicate nelle tradizioni contadine locali. Fatta di cose semplici (spesso solo interiora o frattaglie) e di piatti non elaborati, senza andare a discapito della prelibatezza.

Valleverde Zì Pasqualina

La trattoria ValleVerde viene fondata ad Atripalda nel 1953, dove svolge la propria attività di ristorazione. La perdita della famosa Pasqualina De Benedictis, nota come “Zia Pasqualinalascia un’eredità importante per una missione altrettanto importante: mantenere elevati standard di qualità connessa al territorio e alla peculiarità del prodotto. Oggi l’attività è a conduzione familiare con un’accurata ricerca di materie prime di qualità (cosa non semplice ai giorni nostri). Attualmente, a differenza del passato, il connubio enogastronomico è inconfondibilmente sinonimo di cultura e qualità.

A’ Luna Rossa

Dalla verde Irpinia ci spostiamo ora in Terra di Lavoro, a Bellona precisamente. A luna rossa è una trattoria slow food che punta sulle specialità cucinate con prodotti altamente selezionati, il tutto senza andare a discapito della qualità né della squisitezza delle portate. La carta dei vini è ampia, per questo non bisogna esitare nel chiedere aiuto al sommelier, che poi è anche il proprietario. La sua dote di abbinare il vino alle pietanze è incredibile.
Se siete nei paraggi di Bellona dovete fermarvi alla Luna Rossa. La pizza è davvero ottima, la location è un luogo intimo, curato nei minimi particolari da Lorenzo, il titolare.

 “LE TRE SORELLE”

Ci troviamo ora a Casal Velino, in provincia di Salerno. In un luogo romantico e sereno, su un terrazzo vista mare. Emozionante è anche il panorama di cui si può godere con vista dall’alto sul centro storico di Casal Velino. Si possono gustare le specialità di pesce, il punto forte della signora Franca, che prepara i piatti con cura e maestria. In generale la cucina è mediterranea. Vi è una vasta scelta di vini di qualità del Cilento e non solo.

Gli scacchi

Torniamo ora in Terra di Lavoro, nella splendida Caserta Vecchia. La location, immersa nel verde è già di per sé magnifica, dotata di una sala interna ed una esterna. Entrambe estremamente curate nei dettagli e accoglienti. Il menù è composto da una serie di piatti molto tradizionali ma realizzati con le appropriate innovazioni, che rispecchiano la maestria e l’amore del gestore e di chi lavora in cucina. Trattoria consigliata a tutti coloro che vogliono mangiare prodotti campani di qualità accompagnati da ottimi vini locali.

Lascia un Commento