Grande Campania

Gita al lago in Campania: i 10 laghi più belli

La Campania ed il lago: una bellezza da scoprire. I dieci laghi più belli della nostra regione

0 472

Weekend al lago? Al mare? o in montagna ? In Campania c’è solo l’imbarazzo della scelta. La nostra regione alterna stupendi paesaggi di montagna, a località marittime celebri in tutto il mondo. Tuttavia, se guardiamo al panorama variegato della Campania, non possiamo fare a meno di menzionare i laghi. Ce ne sono molti e di una bellezza senza pari; alcuni sono famosissimi ed attirano turisti e visitatori, altri sono meno conosciuti, ma meritano comunque di essere scoperti ed apprezzati. In questo articolo, una lista dei 10 laghi più belli della Campania, che vale la pena visitare almeno una volta.

Lago di Conza

images.piuturismo.it

Si parte dalla provincia di Avellino, precisamente dal comune di Conza della Campania. Il comune si trova a pochi chilometri dal confine con la Basilicata ed ospita il Lago di Conza. Esteso per circa 800 ettari, il lago è in realtà di origine artificiale, essendo frutto di un progetto di sbarramento del fiume Ofanto, realizzato negli anni ’70. Principalmente, il Lago di Conza fu realizzato per favorire l’irrigazione dei campi, scopo ampiamente raggiunto. Oggi la zona su cui sorge il lago è una tappa fondamentale delle rotte migratorie di molti uccelli, ma anche residenza fissa di molti mammiferi stanziali. Oggi il Lago di Conza è Oasi del WWF con il titolo di Zona di protezione speciale. Esiste la possibilità di visitare il lago e l’oasi; all’interno ci sono attività per i visitatori, tra cui le escursioni ed il birdwatching.

Lago d’Averno

Fonte: www.settimanaterra.org

Un bacino di storia nel comune di Pozzuoli. Il lago ospita il cratere di un antico vulcano, cosa che conferisce al bacino una forma praticamente tondeggiante. Il Lago d’Averno fa parte dell’insieme dei Laghi Flegrei, dato che, a poca distanza l’uno dall’altro sorgono il Lago Miseno, il Lago Lucrino ed il Lago Fusaro. L’ acqua del Lago d’Averno è salata, forse per la vicinanza al Golfo di Pozzuoli. Ciò che colpisce particolarmente di questo lago, non è solo l’aspetto paesaggistico, ma anche quello storico. La zona infatti, è stata abitata sin dalle epoche più remote. A testimonianza di ciò, gli importanti siti archeologici, presenti praticamente a ridosso del lago: l’Antro della Sibilla Cumana ed il Tempio di Apollo. Il lago inoltre fu citato da Virgilio nell’Eneide, che qui vi ambientò l’ingresso agli inferi.

Lago Fusaro

Si trova nel comune di Bacoli, ma dista appena 2 chilometri dal Lago d’Averno. Il Lago Fusaro ha la particolarità di essere un lago costiero d’acqua salata, costituitosi naturalmente, a seguito della chiusura di un tratto di mare. Ciò che lo distingue dagli altri laghi è una lingua di terra di circa 200 metri, separa il lago dalla costa di Bacoli. Questo lago è noto per la vicinanza al mare, per essere un lago pescoso, certo; ma c’è una cosa in particolare che lo rende celebre: la Casina Vanvitelliana. Proprio sul Fusaro infatti, nasce questa casina, voluta dal sovrano Ferdinando IV di Borbone, e pensata inizialmente come casino di caccia. L’edificio è collegato alla riva tramite un pontile, ed è tra le più famose attrattive della regione.

Lago di Patria

lago di patria
https://www.napolitoday.it/cronaca/cadavere-lago-patria-giugliano.html

In questo elenco non poteva mancare il Lago di Patria. Situato tra i comuni di Giugliano in Campania, provincia di Napoli e Castel Volturno, provincia di Caserta, è uno dei laghi più grandi della regione: circa 2 chilometri quadrati di superficie. Anch’esso è un lago costiero e si caratterizza grazie ad alcune sorgenti che confluiscono nel suo bacino. Tuttavia vi è un canale che unisce le acque del lago con quelle del mare, permettendo un ricambio d’acqua, che a conti fatti, rende il Lago di Patria, un lago salato.

Lago di Telese

https://amalfinotizie.it/lago-di-telese-come-arrivare-ristoranti-picnic/

Spostandosi verso la provincia di Benevento, si trova il Lago di Telese. Questo, situato poco distante dal centro abitato di Telese Terme, è uno dei laghi più piccoli, ma anche tra i più caratteristici, rispetto ad altri laghi. Probabilmente, le origini del Lago di Telese, sono da attribuire al sisma del 1349, ma non vi sono particolari certezze. Il lago è tra i più indicati per gite e passeggiate nel weekend, essendo visitabile e circondato da aree in cui fare un pic-nic. Non si tratta di un’area attrezzata, per questo ci si deve adattare alle condizioni ivi presenti, tuttavia questo, rende all’atmosfera del lago, un tocco di maggiore autenticità, complice anche la sua distanza dalla mondanità degli altri laghi. Il bacino del lago, rientra nell’area naturale protetta Foce del Volturno – Costa di Licola, riserva naturale ed habitat di numerosi uccelli e mammiferi.

Lago di Campolattaro

http://incampania.com/location/oasi-lago-campolattaro/

Si tratta di un’oasi del WWF, facente parte del comune di Morcone e Campolattaro, provincia di Benevento. Il Lago di Campolattaro si trova in una piana alluvionale naturale, ed è definita dal WWF Zona di protezione speciale. Il lago è di carattere artificiale, realizzato sfruttando la piana alluvionale, a seguito dello sbarramento del fiume Tammaro. L’ oasi è istituita allo scopo di preservare la natura circostante. La zona è habitat naturale di numerose specie animali, tra cui i maestosi aironi, che sul lago sono presenti in grande numero. L’ oasi è comunque visitabile e sono possibili escursioni ed attività educative.

Lago di Falciano

https://grandenapoli.it/evento/fuga-dalla-citta-tour-enogastronomico-a-falciano-del-massico-25-04-2018/

Tra Mondragone e Falciano del Massico, provincia di Caserta. Il Lago di Falciano è di origine vulcanica e sorge alle pendici del Monte Massico. Da alcuni anni la zona è parte della Riserva Naturale Lago di Falciano, istituita per salvaguardare la flora e la fauna nei dintorni del lago, altrimenti seriamente a rischio inquinamento. In quest’area infatti, seppur circoscritta ci sono numerose specie di uccelli, fiori ed un discreto patrimonio archeologico. A corona del Lago di Falciano, una flora piuttosto fitta, caratterizzata da pioppi e salici.

Lago del Matese

https://officinadeigiornalisti.com/2021/02/05/parco-del-matese-e-area-pre-parco-prospettive-e-criticita

Sorge in provincia di Caserta, tra i comuni di Castello del Matese e San Gregorio del Matese, ed è il lago di natura carsica più alto d’Italia. Il Lago del Matese infatti, si erge a 1011 metri s.l.m. proprio a ridosso delle vette del Matese. Le montagne circostanti e lo scioglimento della neve che si forma sulle vette, alimenta il bacino del lago. Le sue acque attirano numerosi visitatori, in particolare quelli con la passione per la pesca, dato che il Matese, ha la fama di essere un lago molto pescoso. Oltre ai pesci importanti come i lucci o le carpe, vi sono anche numerosi uccelli che, su questo lago hanno costituito il proprio habitat. Nei dintorni del lago, numerose possibilità di fare trekking, od organizzare un pic-nic. Nella zona non mancano aree attrezzate ed alberghi, per una sosta più lunga.

Lago di Sabetta

https://mapio.net/a/88500582/

In provincia di Salerno, troviamo il Lago di Sabetta. Con un bacino compreso nel territorio di Caselle in Pittari, il Lago di Sabetta nasce nel dopoguerra artificialmente, per scopi agricoli ed idroelettrici. Il lago fa parte del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, ed è stato recuperato soltanto in tempi molto recenti, dopo decenni di abbandono. Negli ultimi anni invece, è stato avviato un percorso inverso: sono attivi progetti volti al recupero di questo spazio, in funzione di protezione ambientale e di rivalorizzazione turistica.

Lago di Persano

https://www.livesalerno.com/it/oasi-di-persano-wwf

Tra i vari laghi artificiali, noti per la bellezza del paesaggio, vi è il Lago di Persano, anch’esso nel salernitano. La realizzazione del Lago di Persano è databile intorno agli anni ’30, quando per favorire l’irrigazione dei campi, si effettuò lo sbarramento del fiume Sele. Oggi invece, nell’area che comprende il lago, ritenuta Sito d’importanza comunitaria, vi è un’oasi del WWF, che racchiude il lago nella Riserva Naturale Regionale Foce Sele-Tanagro. In quest’area c’è un vasto paesaggio naturale, caratterizzato da molte specie vegetali, un prato ed un fitto bosco. Sono presenti molte specie animali, tra cui le lontre e molti uccelli. L’ oasi è tranquillamente visitabile tramite l’area attrezzata ed il percorso natura.

 

 

Lascia un Commento