Il Monte Prospetto: Sai a quale zona di Napoli corrisponde?

È l'attuale collina dei Camaldoli. Situata a nord di Napoli, offre un panorama spettacolare.

0 549

La collina dei Camaldoli si trova a nord della città di Napoli ed è facilmente raggiungibile. Un tempo era conosciuta come monte Prospetto. Ai tempi dei romani, il monte si trovava fuori la città di Napoli. Su in cima il panorama è a dir poco spettacolare. Da un lato Soccavo e Pianura e dall’altro tutta la zona flegrea con l’isola di Nisida. Coloro che usufruiscono di più di questa meraviglia per gli occhi, sono i monaci camaldolesi.

I monaci Camaldolesi

Si stabilirono sulla collina verso il 1600. In verità prima del loro arrivo c’era già una piccola chiesetta ai più sconosciuta e dedicata al Santissimo Salvatore. Da qui si deve il nome di monte Santissimo Salvatore del Prospetto. Questo nome restò a lungo. Occorre aspettare i Borbone affinché cambiasse in Camaldoli, in onore appunto dei monaci camaldolesi. Facilmente raggiungibile, si può godere del panorama liberamente, impossibile non restarne estasiati. La collina sovrasta la città di Napoli e la zona flegrea. Di fronte si trova, altero, il Vesuvio.

La sua conformazione

Da un punto di vista abitativo, Santa Croce ne è il fulcro. Fino al Cardarelli troviamo poi Cappella Cangiani, l’Orsolone, i Guantai, Nazareth e Chiaiano. Dall’altra parte invece c’è lo strapiombo che arriva fino a Soccavo. Si tratta della parte interna di un cratere formatosi grazie a l’esplosione( avvenuta milioni di anni fa) che si è verificata nel sottosuolo dei Campi Flegrei. Per questo chiamato lo squarciato di recinto craterico anteriore. I Campi Flegrei, con il loro paesaggio unico, si sviluppano intorno alla caldera craterica di Agnano e la Solfatara di Pozzuoli.

Il Parco dei Camaldoli

La collina dei Camaldoli si trova a nord della città di Napoli ed è facilmente raggiungibile. Il Parco urbano dei Camaldoli, conosciuto anche come bosco dei Camaldoli, è uno dei polmoni verdi della città. Si estende su 135 ettari(uno dei più grandi d’Italia) ed è situato a circa 400 metri sul livello del mare, tra i quartieri di Chiaiano, Soccavo, Pianura e i comuni di Marano e Quarto. Istituito nel 1983, bisogna però aspettare il 1996 per vedere terminati i lavori di sentieristica principale. Rimasto aperto al pubblico fino al 2016 e chiuso poi(due dei tre ingressi) a causa della mancanza di fondi per la riqualificazione e manutenzione, carenza di personale addetto alla vigilanza(che ha favorito il vandalismo di alcune aree) ed infiltrazioni d’acqua.

Lavori di riqualificazione

La gran parte del parco è completamente abbandonata, sono solo i volontari che se ne prendono cura soprattutto nel fine settimana. Finalmente dopo anni è stato sottoscritto un patto tra il Comune di Napoli e l’ente regionale del Parco delle colline che prevede la riapertura e la riqualificazione. I lavori più urgenti prevedono una potatura scrupolosa degli alberi che compongono i grandi castagneti. Il progetto vuole restituire questo prezioso spazio verde a visitatori e cittadini, per passeggiate tra gli alberi e aria pura. La somma prevista per i lavori si aggira intorno ai 400mila euro da parte del Parco delle colline e 1 milione e ottocentomila euro da parte del Comune di Napoli.

Informazioni sul Parco dei Camaldoli

Orari di apertura:

  • Dall’1 al 31 marzo, dalle ore 07:00 alle ore 18:30
  • Dall’1 aprile al 30 giugno, dalle ore 07:00 alle ore 19:30
  • Dall’1 luglio al 31 agosto, dalle ore 07:00 alle ore 20:30
  • Dall’1 settembre al 30 settembre, dalle ore dalle ore 07:00 alle ore 19:00
  • Dall’1 ottobre al 31 ottobre, dalle ore07:00 alle ore 18:00
  • Dall’1 novembre al 28 febbraio dalle ore 07:00 alle ore 16:30

Prezzo biglietti

  •  Ingresso libero

Indirizzo

Viale S. Ignazio di Loyola, 80131 Napoli

Come arrivare

Metropolitana Linea 1, stazione Policlinico, poi autobus 144, fermata S. Ignazio Di Loyola 192

Lascia un Commento

Verified by MonsterInsights