Grande Campania

Luci d’Artista: il gemellaggio tra Salerno e Torino

0 436

Le Luci d’Artista di Salerno sono uno spettacolo imperdibile che avviene durante le festività natalizie e che permette di vivere appieno l’atmosfera suggestiva di quel particolare periodo dell’anno.

Grazie a quest’evento, che veste e colora il centro di Salerno da Novembre a Gennaio, si ha anche l’opportunità di scoprire la città che, insieme alla costiera salernitana, offre bellezze artistiche e storiche.

Un punto di riferimento per l’arte contemporanea

Non molti sanno che questa manifestazione culturale, in realtà, è nata, in origine, a Torino nel 1998, iniziativa che, successivamente, nel 2006, è stata voluta anche dal comune di Salerno. Durante l’edizione 2009/2010 c’è stato un vero e proprio gemellaggio: le due città hanno, infatti, deciso di scambiare reciprocamente le luci esposte l’anno precedente, insieme ad altre opere inedite commissionate appositamente. L’esposizione ha, ovviamente, attirato turisti provenienti non solo dall’Italia, ma anche da tutt’Europa, riscuotendo un enorme successo; sempre nello stesso anno, l’albero di Natale di 25 metri, presente a piazza Portanova, conseguì il titolo di più alto (di tipo artificiale) in Italia.

Nelle varie edizioni sono stati molti i temi di particolare successo e le Luci d’Artista hanno sempre sorpreso il pubblico con nuove e stimolanti scenografie. Numerosi sono i giovani artisti che hanno contribuito negli anni: lo splendido lavoro fatto su queste luminarie le rende delle vere e proprie opere d’arte, come nel caso del 2011, quando vennero esposti i capolavori disegnati da Nello Ferrigno e realizzati, poi, dalla ditta torinese. Successivamente, queste installazioni sono state scambiate con quelle di Torino, replicando il gemellaggio iniziato cinque anni prima.

Tra folclore, storia, ampliamento e mutazione

Una costante che non manca mai, nel periodo di Natale, sono gli attesissimi mercatini che, a Salerno, vengono allestiti in tipiche casette natalizie sparse in giro per la città, che rendono l’atmosfera ancora più festosa.

Dove, invece, il mare e la città si incontrano, troviamo, in posa sulla scogliera, un gran numero di pinguini che illuminano il lungomare salernitano. Ma a riscuotere maggior successo è, senza dubbio, il giardino incantato, con una miriade di luci colorate e sempre diverse, site nel centro storico cittadino, che rendono la Villa Comunale di Salerno un luogo magico.

Con l’accrescere della popolarità sono aumentate le zone d’esposizione come anche le innovazioni: da qualche anno, infatti, è stata anche installata una ruota panoramica di 60 metri nel sottopiazza della Concordia e, al costo di 9€ per gli adulti e 6€ per i bambini, si può ammirare la città vista dall’alto, resa ancor più incantevole dalle luci, in un’atmosfera quasi toccante.

Un’altra interessante novità è stata allestita per la prima volta nell’edizione 2017-2018, a pochi passi dal Duomo di Salerno, presso il Museo Diocesano di San Matteo, portando in esposizione i tradizionali presepi di sabbia, conosciuti con il nome di Sand Nativity.

La bellezza di queste luci va oltre le usuali luminarie di fine anno; sono opere che si differenziano per il valore profondamente simbolico espresso, una tradizione trasformata in arte.

Lascia un Commento