Pioggia di turisti in Campania

La nostra Regione è presa d'assalto dai turisti. Agosto è da sold out

0 155

Nonostante un leggero calo di afflussi di viaggiatori verso la metà di luglio(per covid, scioperi dei trasporti, rincaro energetico), il mese appena iniziato sarà da tutto esaurito nella maggior parte delle località turistiche più conosciute. Visto che la pioggia si fa attendere, non ci sarà invece da attendere la “pioggia” di turisti che affollerà la Campania. Le più gettonate sono le isole, la Costiera Amalfitana, Positano, Amalfi e la Penisola Sorrentina. Il Cilento conferma un ottimo trend col sold out di tutte le strutture ricettive.

Campania Felix

Campania Felix la chiamavano gli antichi. Appellativo con cui spesso, ancora oggi, si fa riferimento alla regione di cui Napoli è capoluogo. Tradotto dal latino questo nome vuol dire Campania Felice, oppure Fortunata. Già nel passato la Campania  era una terra ricca di cultura e tradizioni, con un clima mite e un terreno fertile grazie alla presenza di alcuni fiumi e del Vesuvio. In aggiunta ben posizionata  per il commercio, disponendo di un’ampia fascia costiera sul Mar Tirreno sul quale erano situati alcuni dei principali scali commerciali della Magna GreciaPlinio il Vecchio, celebre storico scomparso durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.c. , amava moltissimo questa regione, e per sottolinearne la ricchezza e la bellezza coniò la dicitura Campania illa felix.

Sold out in Campania

In base al traffico turistico registrato da questa primavera, la stagione turistica risulta essere molto interessante. Si pensa che si possa arrivare ai dati della stagione estiva del 2019. Dopo il forte impatto causato dalla pandemia, c’è una vera rinascita del settore e premia tutti i territori della regione, in particolare i siti culturali. L’afflusso maggiore si registra ovviamente nelle località balneari. Le più gettonate sono le isole, la Costiera Amalfitana, Positano e Amalfi, la Penisola Sorrentina. Il Cilento conferma un ottimo trend col sold out di tutte le strutture ricettive.

Foto pixbay

Le altre destinazioni

Bene la capitale culturale Procida. La sorpresa è rappresentata dai Campi Flegrei dove si registra un nuovo e importante flusso turistico. Ricercate anche altre località dove poter fare soggiorni i più brevi e sono meno affollate come il litorale casertano, le zone interne del Sannio, dell’Irpinia e Vallo di Diano. Trend positivo anche per Napoli e Salerno, che non fungono più solo da base per raggiungere altre mete. Stabili anche le visite culturali(musei) e quelle ai siti archeologici(Pompei, Ercolano e Paestum).

Foto di Ciro Arno

Le scelte dei turisti

I turisti stranieri propendono per le soluzioni costose. Gli italiani invece cercano di meno costose. Le soluzioni economiche sono difficili da trovare in Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, i costi sono alti anche sulle isole e sulla costa flegrea. Ad agosto la richiesta di una struttura è in media una settimana, ma è difficile, se non impossibile, spendere meno di 500€ in città. Ancora più costosi i soggiorni sulle isole, costiera amalfitana e penisola sorrentina, dove si superano anche i 1.200 euro. Meno caro soggiornare nel vesuviano, sul litorale domitio, nel Sannio, Irpinia, Alto Casertano e Alto Cilento, dove  i prezzi possono essere anche anche inferiori a 400 euro a settimana. Non mancano le richieste dell’ultimo minuto.

Record di passeggeri per Capodichino

Ovviamente il notevole afflusso di turisti si riflette anche sui voli per raggiungere Napoli. Numeri da record per l’aeroporto partenopeo: è quello maggiormente cresciuto in Europa dal 2019. Nel mese di luglio, lo scalo partenopeo, con ben 1 milione 272 mila 800 passeggeri, ha fatto registrare il record di passeggeri transitati in un mese. Ben 86 mila in più rispetto al precedente record, risalente al mese di agosto del 2019. Superato anche il record del maggior numero di passeggeri transitati in un solo giorno: 45 mila 959 presenze. Significativa la parte che riguarda le tratte internazionali: 906 mila 400 passeggeri, più del doppio rispetto alle tratte nazionali. Nei primi sette mesi del 2022, lo scalo partenopeo ha accolto quasi 6 milioni di viaggiatori.

Lascia un Commento