Mariafelicia De Laurentis: storie di donne d’eccellenza della Campania

Mariafelicia De Laurentis è una scienziata, Professoressa di astronomia e astrofisica all'Università di Napoli Federico II.

0 121

Mariafelicia De Laurentis, scienziata, è stata parte del team che ha fotografato il famoso buco nero nel 2019. Napoletana, Mariafelicia è Professore di Astronomia e Astrofisica presso l’Università degli studi di Napoli Federico II e e ricercatore associato presso l’Istituito nazionale di fisica nucleare e l’Istituto nazionale di astrofisica. Prevalentemente, si occupa di teorie della gravitazione – nei loro aspetti teorici e fenomenologici – e di astrofisica relativistica.

Chi è Mariafelicia De Laurentis

Come si arriva a questi livelli? Mariafelicia racconta che tutto è nato anni fa, dalla curiosità di voler capire com’è fatto l’universo, cosa che l’ha spinta a studiare la fisica, conseguendo la laurea presso la Federico II di Napoli. Dopodiché, ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Politecnico di Torino. Da qui in poi, ha lavorato in giro per il mondo, fino ad arrivare in Russia, in Siberia, con la voglia di perseguire il suo sogno.

Dalla Siberia si è poi spostata a Francoforte, dove è iniziato il percorso nella collaborazione che ha dato al mondo la famosissima prima immagine del buco nero nel 2019. La scienziata è poi rientrata in Italia, con chiamata diretta.

La ricerca che cambia il mondo

Ma come si svolge la giornata tipo di una scienziato? “Sicuramente non è una giornata normale, come si potrebbe immaginare. A volte, al mattino non mi alzo nemmeno perché durante la notte non ho potuto dormire per lavorare. Mai però quando ho lezione: in quanto professoressa, devo avere cura dei miei studenti e delle nuove generazioni“.

Mi definisco sicuramente una persona determinata: la tenacia, la passione e l’energia inesauribile mi hanno portato a non considerare gli aspetti negativi di questo mondo, e di guardare sempre tutto in positivo. Non posso negare che ci siano state difficoltà, come accade in ogni lavoro, che ho sempre cercato di trasformare in qualcosa di costruttivo, migliorando me stessa“.

Mariafelicia definisce la fisica la sua vita: “Ripercorrerei tutto quello che ho fatto per la scienza. È il mestiere più bello del mondo: non è mai noioso, imparo sempre tante cose nuove, soprattutto da chi mi circonda. Il lavoro di squadra è senza dubbio fondamentale per raggiungere gli obiettivi che ci prefissiamo“.

Ad una giovane donna intenzionata ad intraprendere questo percorso, la De Laurentis consiglia “di non avere paura di non farcela, di non lasciarsi influenzare da nessuno nè tantomeno farsi scoraggiare dalle difficoltà. Questo lavoro ripaga: è gratificante. I risultati arrivano“.

Quali sono i suoi progetti per il futuro? Continuare a fare ricerca: “La ricerca cambia il mondo“. E, magari, vincere un premio Nobel.

Lascia un Commento