L’inghiottitoio di Vallivona

0 250

Il Cilento è una delle zone più belle della Campania e merita una visita, sia nell’entroterra che sulla costa. È completamente compreso nella provincia di Salerno e gran parte del territorio si trova all’interno del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, pensato per preservare il ricco patrimonio naturale della regione. Patrimonio dell’UNESCO, l’area cela spiagge segrete, scogliere, villaggi di pescatori, importanti resti archeologici e bellezze naturali senza eguali. Per ultimo ma non ultimo, la regine si fa apprezzare anche per la gastronomia. Il Cilento è questo e molto altro ancora.

La sua formazione

Inserito in un contesto naturale a dir poco suggestivo, fatto di acqua, montagna e natura, il grandioso inghiottitoio (cavità a forma di imbuto) si è formato grazie al lavoro incessante della natura che si protrae da circa 200 milioni di anni. In pratica avviene una reazione chimica tra le sostanze che compongono le rocce e l’anidride carbonica in soluzione acquosa. Tale reazione porta allo scioglimento delle rocce stesse creando dapprima dei semplici buchi che poi diventano delle vere e proprie caverne che si creano grazie ad un’erosione profonda e sotterranea. Il tutto rende spettacolari le cavità così formate.

L’inghiottitoio di Vallivona

È la grotta carsica più importante d’Europa, situata ad un’altezza di 1100 mt s.l.m. Lunga 500 metri, si può attraversare solo con l’ausilio di una torcia. Si trova al centro del monte Cervati, conosciuto anche come il gigante della Campania. Un monte con morfologia tipicamente carsica. Quando si esce dalla galleria, si rimane letteralmente a bocca aperta. Si ha la sensazione di entrare in una foresta pluviale fatta di natura lussureggiante, enormi pareti(alte dai 60 ai 100 metri) a precipizio che favoriscono il formarsi di piccole cascate. Siamo nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, pensato per preservare il ricco patrimonio naturale della regione.

Le attività

Tornato visitabile dopo circa un anno. Tornare sul Cervati a Sanza, è possibile grazie all’ausilio dell’Ufficio di Informazioni Turistiche del Comune e dell’Associazione le Tre T del Cervati. Visite guidate nell’ombelico del Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, il secondo parco per dimensioni in Italia. Si tratta di un’esperienza unica, che resterà per sempre tra i vostri ricordi più belli.

Visite sul monte e alla grotta

Per Info e prenotazioni si può contattare i numeri: 3421502316 – 3470325285 – 3493288550

Trekking

La vera protagonista dei sentieri per fare trekking, di questa regione, è l’acqua e la sua forza, in grado di plasmare la pietra calcarea nel corso dei secoli formando grotte dal fascino ineguagliabile. Si proveranno emozioni indescrivibili camminando lungo il fiume Bussento(tra i più importanti del parco) col suo percorso alternato tra superfice e sottosuolo. Giunti ad un bivio, salendo verso a destra si entra nel Vallone dell’inferno, dominato da imponenti montagne rocciose. Qui l’itinerario si fa più tortuoso ma anche più bello. Lungo il percorso ci sono panorami mozzafiato sulle gole del Bussento. Dopo quasi due ore di passeggiata si arriva alla sorgente del Bussento a 909 m. Salendo ancora verso destra, si giunge ad un sentiero sinuoso che porta all’imbocco della galleria di 500 metri che porta al centro dell’inghiottitoio.

Costo escursione guidata 15,00 euro a persona
Guida Ambientale Escursionistica associata AIGAE in Cilento
regolarmente assicurata e iscritta al registro italiano delle guide ambientali escursionistiche. Esercita la professione ai sensi della L. 4/2013

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
ufficio 0974972417
cell/whatsapp 3487798659
mail: info@archeotrekking.net

Lascia un Commento