L’acquedotto greco-romano nel cuore di Napoli

Un'opera millenaria che riesce ancora a stupire

0 661

Nel cuore più antico di Napoli, fino a poco fa abbandonata, Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, racchiude secoli di storia napoletana, tra cui le stratificazioni millenarie. Sul campanile romanico, realizzato con materiali del tempio di Diana, ha preso forma, col suo stile barocco, la chiesa attuale, ricostruita su una precedente basilica paleocristiana. La chiesa si trova in via dei Tribunali. L’impianto idraulico ha per oltre due millenni (fino alla fine del 1800) fornito acqua alla città di Napoli ed è “tornato in vita” alla collaborazione della società di gestione idrica di Napoli Abc (Acqua bene comune), l’associazione Pietrasanta Polo Culturale Onlus con il Mann, l’Osservatorio Astronomico e l’Osservatorio Vesuviano.

Il museo dell’acqua

Nel sottosuolo di Napoli è stato realizzato un nuovo straordinario museo dell’acqua, nell’area del decumano maggiore. Un percorso molto particolare, lungo circa un chilometro e profondo 35 metri. L’opera millenaria segue e indirizza il cammino dell’acqua di Serino avvalendosi anche di cisterne. L’antico Acquedotto della Bolla, il primo della città, fu costruito dai greci e poi ampliato dai romani. Le due cisterne che si possono ammirare sono quelle della “Cisterna delle anguille” e la “Sala delle onde“. Un viaggio straordinario, possibile solo a Napoli. Nel sottosuolo si può arrivare con un “ascensore archeologico” dotato di ampie vetrate. Questo permette di vedere la discesa tra le viscere del tufo fino al Tempio di Diana.

Fonte foto: napoli-turistica.com

L’acquedotto

La storia della città di sopra è legata a quella della città di sotto. Questa grandiosa opera ne è un esempio. Entrando nella basilica, un suono sordo colpisce subito il visitatore. Si tratta di un tuffo di 30 metri nel sottosuolo che riporta indietro di millenni. E’ il primo esempio di ingegneria idraulica della città, realizzato dai greci e poi ampliato dai romani. La prima cisterna è del quarto secolo avanti Cristo, costruita dai greci che fondarono la città. Furono poi i romani a costruire questa grandiosa opera, circa 400 km di cunicoli e cisterne. Si possono inoltre ancora trovare i segni delle scale dei pozzari, che si occupavano della manutenzione delle cisterne. L’impianto ha per oltre due millenni (fino alla fine del 1800) fornito acqua alla città di Napoli.

Acquedotto come rifugio antiaereo

La funzione dell’acquedotto come rifugio antiaereo è illustrato da una versione multimediale. Una funzione sociale nella città che ha subito il maggior numero di bombardamenti. Durante la seconda guerra mondiale, i sotterranei servivano per proteggersi dai catastrofici bombardamenti che colpirono Napoli. Si potevano ospitare decine di persone. Ricordiamo che ci troviamo nel cuore del Centro Storico di Napoli, via dei Tribunali detta anche Decumano Maggiore, un quartiere già densamente abitato. I resti ben conservati di mobili, graffiti e oggetti vari testimoniano ancora la grande paura dei bombardamenti. Testimoniano anche le innumerevoli ore trascorse nel sottosuolo, facendo riemergere uno spaccato importante e tragico della storia della città.

Il Percorso sotterraneo della Pietrasanta: come visitarlo

  • Quando: Il percorso sotterraneo ha riaperto al pubblico con Il Decumano Sommerso dal 25 giugno 2021 tutti i weekend (sabato e domenica)
  • Orari: visite accompagnate da personale dello staff alle ore 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18.30.
  • Dove: Il Museo e il percorso Sotterraneo si trovano presso la Basilica della Pietrasanta in Piazzetta Pietrasanta, 17-18 Napoli, inizio di via Tribunali
  • Prezzi: Il biglietto costa 10 € mentre per il ridotto ragazzi (6-18 anni) costa 6€ ed è gratuito da 0-6 anni. Varie possibilità di biglietti cumulativi famiglia da 20 a 30 euro e di riduzioni per gruppi.
  • Consigliate scarpe comode e un golfino per le cavità.
  • Info e Prenotazioni – info@lapismuseum.com – +39 333 3722924  – +39 081 192 30 565 servizio WhatsApp sempre attivo.
  • Sito ufficiale Lapis Museum lapismuseum.com

Lascia un Commento