I mercatini di Natale al Museo Ferroviario di Pietrarsa

Dal 27 novembre al 30 dicembre 2021, si terrà la terza edizione dei "Mercatini di Natale Napoli" al Museo Ferroviario di Petrarsa. Bancarelle e giochi vi aspettano!

0 315

Il Natale si avvicina e con esso, i tanto attesi mercatini di Natale!

In questo periodo dell’anno le città diventano più luminose e gremite di bancarelle natalizie. Ma per gli amanti delle festività natalizie, imperdibili sono i mercatini di Pietrarsa.

Al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa ci sarà l’evento “Mercatini di Natale Napoli“: evento fortemente atteso che si terrà dal 27 novembre al 30 dicembre 2021. 

Casette in legno, street band, colori, luci, canzoni vi accompagneranno nella magica atmosfera del Natale. Ma anche sapori e odori dell’ “area food” grazie alla presenza dei più rinomati produttori enogastronomici della Campania.

Un evento che  coinvolgerà tutti i sensi, indirizzato a grandi e piccini.

Per questi ultimi, in particolare, ci saranno tutta una serie di attività ludiche – interattive – didattiche. Una di queste è la “Littorina postale”, dove i bambini potranno scrivere la propria letterina di Natale o dei desideri. O ancora la visita alla Casa di Babbo Natale. O anche l’osservazione delle locomotive che hanno trainato il Polar Express.

I grandi  invece, potranno divertirsi tra cabaret, spettacoli, rappresentazioni teatrali, concerti. Bellissimo è il concerto del coro Gospel.

Nelle casette di legno, o meglio, nell’area “gallery steet”, rigorosamente illuminata e addobbata, troverete artigiani, enogastronomici e ristoratori.

Tutta la scenografica si richiama, oltre a Babbo Natale con il suo immenso trono, al cartone “Alice nel paese delle meraviglie” con tanto di angoli di tè, funghi da giardino, giganti tazze, una grande torta di non compleanno e le carte della Regina di cuori.

Questa è la terza edizione dopo il successo delle due precedenti e lo stop dell’anno scorso causa pandemia e restrizioni.

Si ritorna dunque con la speranza di un anno migliore  e la voglia di riassaporare il Natale e la  sua gioia.

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa

E tra una bancarella e l’altra, si può così rivivere la storia della nascita delle ferrovie italiane e quindi del museo. Il museo si estende su di una superfice di 36.000 metri quadrati ed è diviso in sette padiglioni stile ‘800 che affacciano sul meraviglioso Golfo di Napoli.

Unica è la collezione composta da 55 mezzi tra locomotive a vapore, “Littorine”, carrozze, cimeli ferroviari, modellini di treni e il “Trecentotreni” di plastica largo 2 metri e lungo 18 metri.

I mercatini, pertanto, verranno organizzati proprio nel luogo ove è nata la ferrovia italiana. Il 3 ottobre del 1938 infatti, venne inaugurata la prima ferrovia italiana proprio nel Regno delle due Sicilie. Collegava Napoli e Portici, sulla stessa direttiva di Napoli- Salerno ed era lunga 7.411 metri.

Gli edifici di cui è composto il museo sono i padiglioni del Reale Opificio Meccanico, Pirotecnico e per le Locomotive, fondato da Ferdinando II di Borbone nel 1840. Il suo obiettivo era di promuovere il suo regno e superare il potere inglese e francese nel settore tecnico. Le officine nacquero quindi accanto il primo tratto ferroviario Napoli- Portici.

Tra il 2004 e il 2017, sono stati effettuati lavori che hanno portato il luogo ad essere quello che vediamo oggi. Un parapetto in vetro è stato costruito per la terrazza del lungomare che incanta grazie alla sua vista.  La sala cinema con le sue proiezioni e la sala congressi con le sue tecnologie interattive e realtà di tipo virtuale lo rendono ancora più affascinante.

Pietrarsa è quindi il primo nucleo industriale italiano!

PREZZI:

Adulti Giorni feriali: 8 euro

Adulti Festivi ed eventi speciali: 10 euro

I bambini pagano sempre 5 euro.

Dai 0 ai 2 anni, l’ingresso è gratuito.

Per i diversamente abili, l’ingresso è gratuito.

I mercatini aprono alle 10:00 e chiudono alle 23:00, con ultimo ingresso alle 22:00.

Per il sabato e la domenica, la chiusura è prevista alle 24:00, con ultimo ingresso alle 23:00.

 

Fonte foto: ilgazzettinovesuviano.com

 

 

 

 

 

Lascia un Commento