Grande Campania

Pasta alla carbonara: è stata inventata dai napoletani?

0 610

La carbonara è uno dei piatti italiani più gustosi e, da sempre, è attribuita ai romani.

In realtà, le sue origini sono ancora incerte: infatti, nel famoso ricettario di inizio secolo di Ada Boni datato 1930, non ve ne sono tracce. La preparazione di un sugo simile compare nel libro “Cucina teorico-pratica” del 1837 redatto dal napoletano Ippolito Cavalcanti ma, in questa ricetta, manca il guanciale; è certo, ad ogni modo, che prima del 1930, nella cucina romana non fosse presente quello che oggi viene definito il piatto romano per eccellenza.

Le ipotesi

Le prime testimonianze scritte sull’esistenza della carbonara risalgono al 1946 e ai menù di alcune osterie popolari napoletane. Ovviamente, ciò fa pensare che il piatto sia legato alla guerra e all’arrivo degli americani in città.

Si dice che un ingegnoso napoletano, nel dopoguerra, abbia perfezionato un primo tentativo di qualche soldato d’oltreoceano che, insoddisfatto della pasta scondita che veniva servita dai cosiddetti “spaghettari”, provò a rendere il piatto più ricco aggiungendo ciò che aveva nello zaino. Sarebbe nata così la prima versione della carbonara, poi replicata dallo “spaghettaro” napoletano per accontentare i clienti americani.

Un’altra storia, però, si allontana dal territorio campano e racconta di un gruppo di giovani americani sito sugli appennini che, durante la Seconda Guerra Mondiale, riuscì a reperire uova, formaggio e pancetta affumicata. In loro nacque una profonda nostalgia, legata a quella che era la loro colazione in patria, e fu così che, unendo gli ingredienti, dettero vita ad un piatto così amato al tempo, ma anche, e soprattutto, oggi.

Questo, insomma, è quanto emerge da alcune testimonianze. Ovvio è che, ai giorni nostri, la carbonara sia uno dei piatti tipici romani: sono stati proprio gli abitanti di Roma, anzi, a diffondere questo piatto così buono e succulento in tutto il mondo ma gli esperti sono ancora divisi sulla paternità della ricetta.

Sarà davvero nata a Napoli?

La ricetta

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 grammi di spaghetti;
  • 150 grammi di guanciale;
  • 4 tuorli;
  • 100 grammi di pecorino romano;
  • sale e pepe.

Tagliare il guanciale a dadini e lasciarlo soffriggere in una padella antiaderente. Mentre cuoce la pasta, in abbondante acqua, sbattere i tuorli con il pecorino, un pizzico di sale e pepe a piacere, aggiungendo qualche mestolo di acqua di cottura. In questo modo si verrà a creare una crema. Quando la pasta è pronta, colarla, metterla nella padella con il guanciale e, a fuoco spento, aggiungere la crema preparata precedentemente. Servire il piatto caldo e cremoso, aggiungendo formaggio e pepe.

Lascia un Commento